Via Dodi, 2 - Correggio (RE)
  Username:   Password:
Ricordami su questo PC

Ho dimenticato la password. Rimandamela!
 








Papa Francesco - Momento di Preghiera 27 marzo 2020

Preghiera per la Comunione Spirituale

Gesù mio,
io credo che sei realmente presente
nel Santissimo Sacramento.
Ti amo sopra ogni cosa
e ti desidero nell' anima mia.
Poiché ora non posso riceverti sacramentalmente,
vieni almeno spiritualmente nel mio cuore.

Come già venuto,
io ti abbraccio e tutto mi unisco a te;
non permettere che mi abbia mai a separare da te.

Eterno Padre, io ti offro
il Sangue Preziosissimo di Gesù Cristo
in sconto dei miei peccati,
in suffragio delle anime del purgatorio
e per i bisogni della Santa Chiesa.



La S. Messa di domenica 29 marzo 2020

Quinta domenica di Quaresima




Indicazioni pastorali per questo tempo di contagio

Commenti alla liturgia del giorno

Giovedì 2 aprile 2020

Il Vangelo di oggi

Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 8, 51-59)

In quel tempo, Gesù disse ai Giudei: «In verità, in verità io vi dico: “Se uno osserva la mia parola, non vedrà la morte in eterno”». Gli dissero allora i Giudei: «Ora sappiamo che sei indemoniato. Abramo è morto, come anche i profeti, e tu dici: “Se uno osserva la mia parola, non sperimenterà la morte in eterno”. Sei tu più grande del nostro padre Abramo, che è morto? Anche i profeti sono morti. Chi credi di essere?».
Rispose Gesù: «Se io glorificassi me stesso, la mia gloria sarebbe nulla. Chi mi glorifica è il Padre mio, del quale voi dite: “È nostro Dio!”, e non lo conoscete. Io invece lo conosco. Se dicessi che non lo conosco, sarei come voi: un mentitore. Ma io lo conosco e osservo la sua parola. Abramo, vostro padre, esultò nella speranza di vedere il mio giorno; lo vide e fu pieno di gioia».
Allora i Giudei gli dissero: «Non hai ancora cinquant’anni e hai visto Abramo?». Rispose loro Gesù: «In verità, in verità io vi dico: prima che Abramo fosse, Io Sono».
Allora raccolsero delle pietre per gettarle contro di lui; ma Gesù si nascose e uscì dal tempio.

Commento al Vangelo di don Alberto Debbi

Chi credi di essere? È la domanda dei giudei a Gesù. Ed è anche la nostra domanda. Chi credi di essere, Gesù, nella nostra vita? Cosa credi di poter dire a noi, che siamo qui ad affrontare le difficoltà della quotidianità, che siamo qui ad affrontare i giorni del Coronavirus? Noi tutti i giorni ci scontriamo con le nostre fatiche, le nostre debolezze, i nostri problemi e tante volte ci sentiamo soli, sentiamo di dover portare un peso più grande di noi. E allora? Chi ti credi di essere da dirci che se ti ascoltiamo non “sperimenteremo la morte in eterno”, ovvero, la morte non avrà l’ultima parola. La fatica, il dolore, la tribolazione, di qualunque genere e di qualunque peso siano, non l’avranno vinta, non saranno l’ultima parola. È un messaggio di grande speranza e di grande incoraggiamento. E la chiave di tutto è che Lui è Dio: ”Io Sono”. Lui c’è, c’è nella nostra vita e opera. È presente. Questo dovrebbe sempre di più risuonare nella nostra mente e nel nostro cuore come un “io ci sono”, agisco nella tua vita, non ti abbandono. Perché sei mio figlio e per questo ti voglio bene.
Ecco chi crede di essere Gesù e quale pretesa ha nella nostra vita. La pretesa di volerci bene, di amarci nonostante tutto e nonostante tutto continuare a fare il tifo per noi, continuare a sostenerci, a incoraggiarci, a indicarci la strada buona. Come fa un padre con i suoi figli che ama.
Allora il mio sguardo sulla vita, sul mio futuro, cambia. Il mio futuro non sta nella mia età, nelle mie possibilità fisiche, nella mia integrità psicologica, nelle mie forze. Il mio futuro è Dio. È Lui l’unico che dà senso alla mia vita e che mi da la possibilità di ripartire, di guardare avanti con fiducia, di sentirmi veramente amato.



 Avvisi dal 21 al 29 marzo 2020
22
DOMENICA
IV di Quaresima
 1Sam 16,1.4.6-7.10-13 Sal 22 Ef 5,8-14 Gv 9,1-41
Andò, si lavò e tornò che ci vedeva.
23
LUNEDI
 Is 65,17-21 Sal 29 Gv 4,43-54
Va’, tuo figlio vive.
24
MARTEDI
 Ez 47,1-9.12 Sal 45 Gv 5,1-16
All’istante quell’uomo guarì.
25
MERCOLEDI
Annunciazione del Signore
 Is 7,10-14; 8,10 Sal 39 Eb 10,4-10 Lc 1,26-38
Ecco concepirai un figlio e lo darai alla luce.
 In occasione della Solennità dell’Annunciazione, mercoledì 25 marzo, sarà il Vescovo Massimo a presiedere la celebrazione delle 8.30 dalla cappella del vescovado (trasmessa come ogni mattina in diretta da Teletricolore, canale 10 del digitale terrestre, e via web sul canale YouTube “La Libertà Tv”)

Alle ore 18.00 dello stesso giorno il Vescovo reciterà, con le medesime modalità di collegamento, il Santo Rosario.
26
GIOVEDI
 Es 32,7-14 Sal 105 Gv 5,31-47
Vi è già chi vi accusa: Mosè, nel quale riponete la vostra speranza.
27
VENERDI
 Sap 2,1.12-22 Sal 33 Gv 7,1-2.10.25-30
Cercavano di arrestare Gesù, ma non era ancora giunta la sua ora.
28
SABATO
 Ger 11,18-20 Sal 7 Gv 7,40-53
Il Cristo viene forse dalla Galilea?
29
DOMENICA
V di quaresima
 Ez 37,12-14 Sal 129 Rm 8,8-11 Gv 11,1-45
Io sono la risurrezione e la vita



Contatore visite: 339512 Per suggerimenti, aggiunte, problemi contattare Roberto - ©2005-2009